Come lavare Impianti e Pannelli Fotovoltaici ?

24 feb 2022

Il "boom" che ha coinvolto in questi mesi il fotovoltaico, anche grazie agli incentivi del "Superbonus" ha accelerato ancor di più la forte crescita di domanda di soluzioni per lavare pannelli e impianti fotovoltaici.

In effetti, come sosteniamo da anni, lavare e mantenere lavati correttamente i pannelli fotovoltaici, oltre a limitare l'usura del tempo, garantisce una resa migliore !

Partire da questo concetto è molto importante: un pannello (o impianto) fotovoltaico sporco rende fino al 30% in meno !

Nel tempo, a causa delle intemperie, delle polveri sottili che si depositano, dello smog delle auto, degli scarichi di aziende vicine, della polvere sollevata dai campi, del "passaggio" dei volatili, etc, non c'è pannello fotovoltaico che non venga ricoperto da strati più o meno sottili di sporco, che vanno a compromettere il potere d'assorbimento della radiazione solare da parte delle celle. 

Chiaramente molto dipende dalla posizione dell'impianto fotovoltaico e dalla vicinanza a possibili fonti di sporco. Ad esempio nella maggior parte dei casi gli impianti fotovoltaici a "vela", installati in campi agricoli, si sporcano molto più facilmente e velocemente.

A seconda dello sporco che si deposita e dalla sua quantità va prevista una pulizia degli stessi impianti fotovoltaici da programmare almeno una volta all'anno o addirittura una volta ogni sei mesi. Proprio partendo dal dato sopracitato, questi interventi di lavaggio dei pannelli non rappresentano solo una manutenzione ordinaria che andrebbe preventivata a priori quando si acquista o si installa un impianto fotovoltaico, ma in certi termini un vero e proprio investimento in grado di produrre un beneficio economico nel momento in cui garantisce all'impianto una resa migliore o ottimale.

un impianto pulito produce 30% in più di energia

MA COME SI PULISCONO I PANNELLI FOTOVOLTAICI ?

Per garantire una corretta manutenzione e la miglior resa occorre lavarli sì, ma è fondamentale farlo in modo corretto e con macchine idropulitrici e attrezzature professionali, per avere un risultato ottimale, per lavare in breve tempo, ma soprattutto per non danneggiare le celle dei pannelli.

Alcuni consigli utili in tutti i casi:

  •  
  • E' sufficiente l'acqua fredda
  • Non è indispensabile utilizzare detergente
  • Attenzione al periodo della giornata in cui si fa la pulizia: con caldo e sole l'acqua si asciuga rapidamente lasciando tracce

Detto questo, le possibili soluzioni sono molteplici e vanno valutate in base a diversi fattori: la tipologia d'impianto, dove sono posizionati i pannelli, con che frequenza li voglio/devo lavare, che sporco si deve rimuovere.

 

idropulitrice + accessori specifici per fotovoltaico

 

Specie per chi ha impianti piccoli o vuole contenere l'investimento, è sufficiente utilizzare un'idropulitrice professionale, a patto che questa abbia la possibilità di regolare la pressione, che per l'uso sui pannelli non dev'essere superiore ai 60 bar.

L'idropulitrice servirà ad alimentare uno degli accessori specifici che lavoreranno sul pannello garantendo efficacia ed efficienza ma senza in alcun modo strisciarlo o graffiarlo.

Questi accessori, come la spazzola doppia controrotante per fotovoltaico o la spazzola a rullo per fotovoltaico, sono costruiti con il giusto peso e le giuste setole, e garantiscono altresì un'ottima affidabilità. Altrettanto importante è l'utilizzo di un tubo specifico per la pulizia del fotovoltaico. Leggero perché possa essere comodamente e facilmente spostato anche in altezza, antigraffio perché possa tranquillamente scivolare sui pannelli senza danneggiarli.

acqua demineralizzata + media pressione + accessori specifici per fotovoltaico


Per effettuare un lavaggio ancor più efficace ma allo stesso tempo più delicato sui pannelli fotovoltaici si può scegliere poi di utilizzare un'acqua demineralizzata, che non lascerà residui di minerali che possono graffiare il pannello, aloni, o tracce delle gocce quando si asciuga.

Questo risultato si può ottenere in due modi:

  •  
  • Bombola di resine da applicare all'idropulitrice
  • Idropulitrice ad osmosi inversa (o idrosmotica) al posto della normale idropulitrice

In entrambi i casi poi l'applicazione può essere la medesima descritta prima, con un tubo+asta telescopica+accessorio specifico.

Anche la lancia telescopica utilizzata dev'essere un attrezzo specifico, molto leggero, in questo modo in grado di essere maneggiato facilmente anche nelle condizioni più difficili (es. pannelli a falda).

Soluzioni lavaggio e pulizia impianti pannelli fotovoltaici

La gamma di accessori citati e illustrati in questo schema riassuntivo si arricchisce di molte ulteriori opzioni e varianti, sempre nell'ottica di "costruire" la soluzione giusta per la specifica soluzione in cui occorre lavare l'impianto fotovoltaico.

Per questo riteniamo molto utile l'attività di Consulenza gratuita che il nostro personale tecnico può effettuare con il Cliente al fine di trovare la combinazione più adatta.

Trova la Soluzione Giusta 


VAI alla sezione Prodotti per la pulizia del Fotovoltaico »

Articoli recenti
Come scegliere la Giusta Lavapavimenti p...
24 feb 2022
Come lavare Impianti e Pannelli Fotovolt...
24 feb 2022
L'idropulitrice Giusta per i professioni...
24 feb 2022
Categorie