L’aria condizionata fa male! Scopri i perché…

18 dic 2017

E’ dimostrato che il raffrescamento creato dai condizionatori e dagli impianti di condizionamento dell’aria è dannoso per la salute ed un loro “abuso” nel tempo, può

  • causare il tanto fastidioso torcicollo o altre infiammazioni a tendini ed articolazioni
  • portare ad abbassamenti della voce e mal di gola, oltre a secchezza ed irritazione agli occhi
    talvolta, e in alcune situazioni particolarmente critiche, indurre crisi respiratorie, capogiri, indigestioni, bronchiti.

 

Inoltre i condizionatori d’aria necessitano di una periodica ed attenta pulizia dei filtri, che, se viene a mancare, nel peggior dei casi, può portare ad asma, ad allergie e alla tanto temuta legionella.

Il perché siano fonte di “tali malanni” è dovuto principalmente al loro sistema di funzionamento ed al fatto che  consentono l’abbassamento della temperatura solo in ambienti chiusi, con porte e finestre praticamente “sigillati”, senza alcuna circolazione d’aria.

A questo punto la domanda è

Come è possibile raffrescare in modo naturale e soprattutto salutare?

La risposta viene egregiamente data dall’adozione dei raffrescatori evaporativi e dei ventilatori nebulizzanti, che godono dell’importante peculiarità di raffrescare con porte, portoni e finestre aperte.

In dettaglio

  • i raffrescatori evaporativi consentono il raffrescamento dell’aria in modo naturale, in quanto sfruttano le proprietà adiabatiche dello scambio di energia tra acqua ed aria
  • i nebulizzatori o ventilatori nebulizzanti miscelano l’acqua atomizzata al flusso d’aria ventilata, creando cosi’ un effetto rinfrescante in tutta l’area d’azione.

La scelta di raffrescare con i raffrescatori evaporativi o con i ventilatori nebulizzanti dipende principalmente dalle singole esigenze e dal tipo di ambiente che deve essere raffrescato.

Aspetto certo è che scegliere di raffrescare senza l’impiego dei gas refrigeranti, dannosi per la salute, porta ad un abbassamento della temperatura fino a 10-12°C in modo naturale, allontanando lo stress da calore.

In più presentano costi di installazione e di esercizio decisamente inferiori rispetto ai tradizionali sistemi di condizionamento ad aria. Per esempio

  • Raffrescatore Evaporativo Portatile
    – costo d’esercizio per 10 ore di funzionamento continuo 0,58 € (» vedi in dettaglio)
  • Ventilatore Nebulizzante Portatile
    – costo d’esercizio per 10 ore di funzionamento continuo 1,10 € (» vedi in dettaglio)
  • Impianto di Nebulizzazione
    – costo d’esercizio per 10 ore di funzionamento continuo 6,3 € invece di 20 € (» vedi in dettaglio)

Pertanto decidere di abbassare la temperatura degli ambienti di lavoro adottando la soluzione del raffrescamento evaporativo, mediante i raffrescatori evaporativi adiabatici, oppure scegliendo di raffrescare con i ventilatori nebulizzanti, oltre ad essere più salutare ed ad aumentare la produttività, porta anche ad un importante risparmio nei costi d’esercizio (oltre il 70%).

Se si effettua l’acquisto entro l’anno, è inoltre possibile usufruire, anche se si è un Rivenditore, del Super Ammortamento, che prevede una deduzione ai fini fiscali del 140%, anziché del 100%.

Articoli recenti
Trova il Generatore d’Aria Calda dimensi...
18 dic 2017
Come scegliere il giusto Generatore di C...
18 dic 2017
Anche quest’anno la Bermar a FierAgricol...
18 dic 2017
Categorie